Curiosi di sapere qual è il nome del cane?

Il cane si chiama Fujico. È il cane di Capitan Enrico, il capitano di Edipo Re

Edipo Re è la barca a vela che ospitò lo scrittore Pier Paolo Pasolini e Maria Callas. Curata in ogni minimo dettaglio, oggi naviga nel cuore della Laguna di Venezia spostandosi da un’isola all’altra accompagnando la navigazione con attività culturali ed artistiche.

Enrico e Sybille

Mentre Enrico si prende cura di questa barca bellissima e la conduce nei più isolati e stupefacenti angoli della laguna, Sybille si assicura che tutti gli ospiti siano a loro agio e si adopera affinché musicisti, chef, capitani e anche le sirene di Ulisse stiano in armonia. 

Salire sulla Edipo Re è un po’ come immergersi nella storia ed al contempo toccare con mano le bellezze artistiche e culinarie della Laguna veneta. 

The Amazing Italian Wine Journey

“The Amazing Italian Wine Journey” ha tratto ispirazione dalla storia di questa imbarcazione storica, sottratta al degrado ed all’abbandono, restaurata con amore e fede e rimessa in viaggio.

In questo viaggio sull’Edipo Re ho accompagnato gli ospiti proprietari di uno dei più storici e famosi ristoranti italiani a Londra -The River Cafè- in un viaggio di ispirazione, su un vascello senza tempo a contatto con un legno arcaico che ha il potere di offrire a tutti coloro che vi salgono un’occasione per essere se stessi. 

https://youtube.com/shorts/zY2OvWaHMm0
Edipo Re inizia il suo viaggio nella Laguna veneta

Come la Epido Re ha mollato gli ormeggi ed iniziato la sua navigazione, anch’io ho iniziato il mio viaggio di racconto della relazione tra vino, uomo e mare. 

“The mysterious sailing across the wines”
 

I vini della navigazione astrale 

Gli indiscussi re dei mari del Mediterraneo nel 1500 a.C erano senz’altro il popolo dei Fenici: maestri dei venti, delle vele, degli scafi e delle stelle. Un popolo che sapeva vinificare il vino con maestria e che lo esportava ovunque dalle loro terre -dove oggi c’è il Libano- ai Greci, in Sicilia, in Egitto, fino alla Francia, alla Spagna e all’Inghilterra. I fenici riuscirono a superare le spaventose Colonne d’Ercole -oggi Stretto di Gibilterra- che nella letteratura classica occidentale indicavano il limite estremo del mondo conosciuto. Grazie all’intraprendenza di questo antico popolo, oggi abbiamo due vini molto diversi e lontani eppure con la stessa identità genetica nel vitigno: la Spergola di Scandiano e la Vernaccia di Oristano. Sembra infatti che furono proprio i Fenici a portare la Spergola dalla Liguria alla Sardegna.

La luce del mare 

La presenza del mare influisce sulle vigne. Quelle poste a ridosso del mare godono di una luminosità riflessa che accelera la fotosintesi delle piante e permette quindi di coltivare vigneti anche in isole lontane. Come Whatere island in Nuova Zelanda dove, nonostante le temperature diurne medie tra le più basse al mondo per far vino (32°C) grazie al mare riescono a fare un Bordeaux blend strepitoso. 

La nostra lista dei vini

The Power of Sailing

1. Cabesina, Pergola Millesimato 2019 – Emilia Romagna

2. Orru, Vernaccia di Oristano 2018 –Sardegna

The Uplifting Value of Lightness

3. Montepulciano d’Abruzzo, Emidio Pepe 2002 –Abruzzo

4. Biondi, Cisterna Fuori, Etna Rosso 2018 –Sicilia

5. Bertani, Ognisanti di Novare, Valpolicella Classico Superiore 2020 –Veneto

The Generous Brightness of the Sea

6. Obsidian Cabernet Merlot 1998 –Whatere Island NZ

7. Moulin de La Lagune, Haut Médoc 1999 –Bordeaux FR

8. Tenuta San Guido, Sassicaia 2013 Bolgheri, Toscana

Il vino è una scusa

Il vino dovrebbe essere solo un mezzo per condurci altrove, una scusa per viaggiare, per connetterci l’uno con l’altro… per essere noi stessi. Come Edipo Re: un antico legno giunto da un altro tempo, un reliquia di un mondo più ampio, accogliente e possibile che devia il corso della storia di coloro che lo incontrano come qualcosa che non viene cercato, ma trovato inconsapevolmente.

Sulla Edipo Re il vino riesce a svolgere al meglio il suo ruolo principe: unire le persone. Dentro ai nostri calici si snoda una storia intensa di intraprendenze che solcano i mari, parlano di luce e leggerezza. Come sempre, quando parliamo di vino il racconto si espande e diventa uno stupendo viaggio nella storia, nella poesia, musica e letteratura.

Il lento incedere della navigazione sulla Edipo Re tra panorami stupendi, musica e parole, ti culla e crea un mondo più generoso e tollerante con spazi di accoglienza e contatto profondo con se stessi e gli altri. 

https://youtube.com/shorts/01PMjpxHgZ8?feature=share
Sybille, la musica ed il tramonto


This Amazing Astral Navigation Edipo Wine Journey was our prototype…stay tuned for the launch of the 2024 season.

—Filippo


1 Comment

  1. Molto, molto interessante.
    Solcare i mari con buon vino, baciati dal sole e dal vento, alla scoperta di nuovi mondi e nuove culture, immersi nella natura che ci sorprende.
    Complimenti a Filippo, un ragazzo eclettico e molto preparato che riesce sempre a reinventarsi ed a creare momenti di vero benessere per coloro che lo incontrano.

Comments are closed.